Ticchettìo di novembre

keyboard

Rumore(*), dice Treccani; suono, direbbe il direttore commerciale. Soave, intenso. Di polpastrelli che affondano nelle morbide tastiere; di parole che si compongono, di frasi che si formano, di numeri che si appalesano, di offerte che si presentano.

Fine novembre.

E’ quasi dicembre, direbbe il calendario; è finito l’anno, direbbe il direttore commerciale.


(*) ticchettìo s. m. [voce onomatopeica]. – Serie di rumori non forti ma secchi, rapidi e insistenti: il t. dell’orologio, della macchina da scrivere; Il bimbo dorme sopra lo sgabello, Tra le ginocchia, al t. dell’ago (Pascoli), dell’ago battuto dal ditale.