Amazon: se non abbandoni quei cialtroni di SDA, il cialtrone sei tu!

Storie di ordinarie (sigh!) consegne pacchi.

Fai un ordine su Amazon.it, lo segnali come urgente (è un regalo) e paghi un po’ di più per fartelo consegnare velocemente: e qui ha inizio l’Odissea. Amazon consegna velocemente a SDA, una società vuota che sottopaga padroncini che non parlano Italiano per consegnare qualche pacco; non tutti, però: basta rispettare, più o meno, gli SLA, pagare qualche penale ogni tanto, e far finta che tutto vada bene. Il risultato è che passano i giorni e il pacco non arriva; inoltre, visto che al padroncino sottopagato che non parla l’Italiano non conviene ripassare di qui, lo stesso padroncino sottopagato che non parla l’Italiano, ma che in fatto di furbizia deve aver studiato anni da queste parti, s’inventa un “tentativo di consegna effettuato“, naturalmente mai stato tale.

Cara Amazon, è inutile far la guerra dei prezzi alla concorrenza per poi fallire nella scelta dei partner; il tuo servizio è misurato a tutto tondo, e comprende anche quello dei “tuoi” padroncini sottopagati che non parlano l’Italiano (ma furbi-wannabe). Fammi pagare qualche soldo un più, ma liberati da questi cialtroni!

Altra letteratura in rete qui, qui e qui; scopro anche di essere recidivo: mea culpa, perciò.

ps: la foto non è quella del mio pacco, anche perché il mio pacco è ancora in mano a qualche padroncino sottopagato che non parla l’Italiano ma fa il furbo.


5 thoughts on “Amazon: se non abbandoni quei cialtroni di SDA, il cialtrone sei tu!

  1. Luca,
    anche ho avuto una pessima esperienza, ma con Bartolini. Ordinato un profumo in Francia: tutto regolare sino al confine, dove Bartolini prende in consegna il pacco. Due giorni dopo arriva un pacco semidistrutto avvolto dal nastro adesivo con il logo Bartolini: ovviamente il contenuto è sparito. A nulla valgono le proteste con il corriere, mentre il mittente francese mi rimanda il tutto, questa volta con DHL a sue spese… Tristezza…

  2. Anche io vittima di SDA: aspetto a casa come un fesso, per tutto il 24 dicembre e, ancora, per tutto ieri 27, nei giorni fissati dai cialtroni per la consegna della merce acquistata da Amazon. Ma mi danno buca entrambe le volte, scrivendo sul loro sito prima che l’indirizzo era errato, poi che la spedizione avverrà quanto prima.
    Quelli di Amazon, da parte loro, sempre cortesissimi e inappuntabili – e che ora chiudono tutte le loro email con lo slogan “L’azienda più attenta al cliente del mondo” -, nei fatti non sono stati capaci di farmi recapitare un plico nei tempi previsti, per ben due volte di seguito.
    Sarà colpa della SDA, ma io la merce l’ho acquistata da Amazon – l’azienda più attenta al cliente del mondo!

Rispondi