Caffè per tutti?

Roma è una città affascinante. Ancor di più lo sono, però, i personaggi che la visitano. Al termine di una cena tra amici, ad esempio, può capitare di incappare in dialoghi del tipo (tratto da una storia vera):

  • Caffè per tutti? Lo volete un caffettino veloce?“, dice uno
  • A parte che ‘veloce‘, qui, non si trova neppure sul Devoto-Oli. E poi, è già tardi, se bevo il caffè ora… stanotte non dormo!“, risponde l’altro

Cena così composta: mozzarella di bufala, crostini con fegato, crostini con porchetta e caponata di melanzane per antipasto. Primo abbondante, “assaggio primavera“, cacio e pepe, gricia, carbonara ed amatriciana. Per secondo un po’ di trippa al sugo.

E per finire tiramisù, acqua, vino della casa e caff… “no, niente caffè… perché poi stanotte non dormo!”