Nove Undici

Al, l’attempato autista di colore del residence, la persona che ci scarrozzava tutte le mattine in ufficio, a Philadelphia, proprio di fronte alla Liberty Bell. Sgomento, un’espressione incredula, il volto più rugoso del solito, mentre il secondo aereo colpiva a morte l’America e le sue certezze. Anche questo mi ricordo di quel giorno; poi la […]