Il tuo collega ti spia. No, non lui: quello a fianco

E’ risultato da una ricerca condotta dall’americana Cyber-Ark: un intervistato su tre pare abbia ammesso di aver usato credenziali non proprie per accedere a dati (email, salari, comunicazioni, etc.) di ignari colleghi. Non posso credere a notizie del genere, “uno su tre”: non vi pare un po’ poco?!? (foto by darkumber)