L’internet delle cose (non ancora viste)

ioe

Ci sono un filosofo, un botanico ed un fisico. No, non è una barzelletta, è l’internet delle cose (“Internet of Things“) o di tutte le cose (“Internet of Everything“), come dice Cisco. Buzzword, parole -forse anche idee- oggi sulla bocca di tutti. Ho partecipato al convegno organizzato sul tema da Cisco a Milano, lo scorso 31 gennaio; mia sorpresa, date le aspettative (silicio, prodotti, marketing, bla bla bla), quella di non aver visto troppi informatici sul palco. E cioè, da informatico ed in prospettiva: quanto è più bello il mondo visto con gli occhi del filosofo, del botanico, del fisico, ma elaborato con la curiosità dall’informatico? Tantissimo. Internet compresa.

Qui sotto ho raccolto gli interventi, secondo me, più interessanti del convegno; prendetevi un’ora di tempo per ascoltarli tutti, in sequenza: meritano!

Intervento di Luciano Floridi, Prof. di Filosofia ed Etica dell’Informazione, Oxford University.

Intervento di Stefano Mancuso, Director LINV – Polo Scientifico Università di Firenze.

Intervento di Roberto Cingolani, Direttore Scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia di Genova.